Google Play copierà nell’App Store con queste modifiche per gli utenti

Google Play vuole diventare un negozio di applicazioni più ordinato, pulito e sicuro per gli utenti. In un blog, Google ha indicato che nel 2021 applicherà una serie di nuovi requisiti per gli sviluppatori relativi alle icone, alle immagini e ai titoli dei tuoi giochi e applicazioni. Quando queste nuove linee guida entreranno in gioco si prevede che Google Play non ha applicazioni ingannevoli, titoli estremamente appariscenti o icone sospette. Decisamente, Google Play vuole assomigliare un po’ di più all’App Store di Apple.

Questi sono i cambiamenti che Google Play subirà a breve

Gli utenti vedono il libero arbitrio in Google Play da molti anni quando si tratta di titoli, emoji e icone stravaganti. Questo cambierà a breve in modo che l’intero negozio abbracci un’estetica meno elaborata. L’obiettivo di Google è assicurarsi le app non imbrogliano o suggerisci agli utenti con le tue icone e titoli. Questi sono alcuni dei cambiamenti che verranno:

  • Limite di 30 caratteri per il titolo
  • Titolo chiaro e preciso senza extra inutili
  • Le parole maiuscole non possono essere utilizzate
  • Non è possibile utilizzare caratteri speciali ripetuti
  • Gli emoji non possono essere usati
  • Non possono essere utilizzati elementi grafici che identificano un possibile posizionamento nelle icone
  • Non sarai in grado di utilizzare i riferimenti di classifica nel titolo

Queste modifiche hanno lo scopo di porre fine alle applicazioni che promettono giochi classificati al primo posto degli elenchi senza esserlo, applicazioni che si distinguono sulle altre grazie a un titolo in maiuscolo, ecc.

È un cambiamento interessante, come gli sviluppatori ora dovrebbero sforzarsi di offrire descrizioni migliori del gioco/applicazione, acquisizioni migliori e video migliori. L’icona e il titolo non diventeranno una parte secondaria, tutt’altro, ma ora non può essere utilizzato per distinguersi dal resto.

Se hai un iPhone e inserisci il App Store Vedrai che tutti questi requisiti sono molto simili e ci sono pochissime applicazioni che li saltano. È un app store con più armonia e in cui non ci sono icone troppo stravaganti o titoli accattivanti che poi non corrispondono alla realtà.

Google deve ancora annunciare la data esatta in cui gli sviluppatori dovranno implementare queste modifiche, ma lo sappiamo arriverà nel 2021. Speriamo entro fine anno Google Play è più simile all’App Store, qualcosa che riteniamo molto positivo.

attraverso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *