La OnePlus Band supererà la Xiaomi Mi Band 5: più avanzata e prezzo basso

Voci e perdite hanno parlato di OnePlus Band. La nota azienda entrerà ora nel mercato dei bracciali smart con un lancio tra pochi giorni. Oggi possiamo conoscere due delle principali caratteristiche che avrà e che vengono direttamente a danneggiare le vendite del Xiaomi Mi Band 5. L’opzione OnePlus sarà leggermente più avanzata grazie a un sensore che non è incluso nel braccialetto xiaomi. Ovviamente nel prezzo potrebbe essere leggermente superiore.

Il braccialetto smart OnePlus avrà 14 giorni di autonomia

L’azienda ha confermato sulla pagina di promozione del braccialetto che avrà 14 giorni di autonomia. Questa è una delle chiavi di molti braccialetti intelligenti, poiché non è necessario passare attraverso il caricabatterie ogni giorno. Potrebbe essere sufficiente caricare il OnePlus Band 2 o 3 volte al mese, un punto molto positivo, anche se non l’unico.

Naturalmente, il braccialetto intelligente supporterà le notifiche, il monitoraggio fino a 13 sport e resistenza all’acqua. Ha anche un sensore di frequenza cardiaca e un Sensore SpO2. Quest’ultimo sensore è quello che non ha la Xiaomi Mi Band 5 che può essere acquistato in occidente. Solo la versione cinese di questo braccialetto ha un tale sensore.

Non è un componente incredibile e indispensabile, ma è un’aggiunta che l’opzione OnePlus ha e che il braccialetto xiaomi. Entrambi saranno bracciali molto simili e con lo stesso stile, quindi la scelta dell’uno o dell’altro dipenderà da quanto si vuole spendere o dalla disponibilità.

Nessun prodotto trovato.

La OnePlus Band dovrebbe arrivare al prezzo di circa 30/35 euro/dollari in India. Il problema qui è che all’arrivo in Europa potrebbe salire leggermente a 49,99 euro/dollari. Questo prezzo è di circa 15 euro/dollari superiore a quello del Mi banda 5 in questi giorni, così tanti utenti non saranno disposti a pagare quell’importo extra per un paio di funzionalità extra che non sono essenziali.

Cosa ne pensi di OnePlus Band? Lo comprerai?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *