Questo Xiaomi di fascia media vuole distruggere il mercato: Qualcomm Snapdragon 775G

Xiaomi è rimasta relativamente inattiva per alcune settimane e non è troppo normale all’interno dell’azienda. Potrebbero aspettare che il resto dei produttori presenti dispositivi per non combattere per il minuto di gloria. Xiaomi sta preparando il nuovi terminali che trionferà nel 2021 per il suo catalogo e oggi ne conosciamo uno dei primi. Parliamo di Xiaomi Redmi K40, Xiaomi Mi 11T o Xiaomi Mi 11 Lite. Ci sono diverse opzioni di nome a seconda del mercato. In Cina, tutto indica che sarà presente il nome di Redmi K40. Le perdite sono iniziate e arrivano con informazioni molto interessanti.

Il Redmi K40 potrebbe essere il primo ad avere lo Snapdragon 775G

Come possiamo leggere in MovilZona, i dati trapelati indicano che il dispositivo arriverà con il prossimo processore di fascia media più potente. Al momento non sappiamo come si chiamerà, anche se la storia lascia pensare che sarà il Qualcomm Snapdragon 775G.

In Cina, rapporti ed elenchi di funzionalità sono già stati visti indicare questo Redmi K40 come il più probabile per la fascia media stellare nel 2021. Qualcomm presenterà i suoi processori stellari alla fine del 2020, quindi fino all’inizio del 2021 non vedremmo il Redmi K40 in vendita in Cina.

Ci vorrà un po’ di più prima che questo dispositivo arrivi in ​​Europa con un altro nome che al momento ci è sconosciuto. Non sappiamo se sarà il Xiaomi Mi 11T, lo Xiaomi Mi 11 Lite o un altro terminale con un’altra serie Redmi. L’attuale catalogo Xiaomi è così affollato che è molto difficile sapere dove si adatterà questo dispositivo.

Redmi K30 Pro

Sapendo che il prossimo Xiaomi Redmi K40 Avrà il miglior processore di fascia media esistente, è facile pensare che il resto delle funzionalità lascerà questo cellulare in cima. Può essere consolidato come il miglior fascia media Xiaomi entro l’inizio del 2021.

Cosa ne pensi di questo Xiaomi Redmi K40? Pensi che sarà uno dei migliori?

Via | MobileZone

Fonte | MyDrivers

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *